«

»

Crollo dell’Inter a Firenze: Stramaccioni addio?

Surclassata sul piano del gioco e del risultato da una Fiorentina davvero entusiasmante per lunghi tratti della partita, l’Inter di Stramaccioni ha probabilmente detto addio alle proprie velleita’ di Champions League, non tanto per la classifica quanto piuttosto per la differenza di valori espressa sul campo tra i viola (ora a 42 punti, a meno due dal Milan) e i nerazzurri, che ormai non vincono più in trasferta dal 3 Novembre scorso, dopo il 3-1 ottenuto allo Juventus Stadium contro i fino ad allora imbattuti rivali bianconeri.

Per gli
ni pero’ la situazione attuale non e’ una sorpresa, viste le scelte effettuate in sede di calciomercato, sia estivo che invernale: la dismissione degli eroi del Triplete e’ stata fatta in maniera traumatica e tutta volta a favore del clan argentino che e’ praticamente rimasto intatto, ma sopratutto i giocatori lasciati – per non dire costretti (perche’ stiamo pur sempre parlando di atleti superpagati) – andar via non sono stati adeguatamente sostituiti, e la formazione scesa in campo a Firenze domenica sera ne e’ una ulteriore dimostrazione. Nagatomo, Alvaro Pereira, Gargano, Alvarez, Rocchi (!!!) Sono tutti giocatori di medio livello, non utili alla crescita della squadra, e inoltre i pilastri Zanetti e Cambiasso ormai sono nella fase calante della loro splendida carriera.

D’altra parte la scontentezza del patron Moratti nei confronti del proprio direttore dell’area tecnica Marco Branca e’ sempre più evidente (e ben giustificata secondo chi scrive), e la gestione del caso-Snejider ha accentuato le divergenze d’opinione, quindi sono ormai in molti a pensare che presto le strade si separeranno.

Infine l’allenatore: Andrea Stramaccioni e’ stato voluto personalmente dal presidente della Beneamata, che poi lo ha confermato sulla panchina nerazzurra sorprendendo tutti, ma ora i limiti di questo giovanissimo allenatore stanno venendo a galla e i nomi di Mazzarri, Spalletti, Blanc, Zeman e Simeone per la prossima stagione iniziano a circolare con ripetuta insistenza.

19 Febbraio 2013