«

»

Euro 2012: Sara’ Italia-Germania!

Ci sono voluti i calci di rigore per avere la meglio dell’Inghilterra, dopo 120 minuti in cui l’Italia ha avuto il predominio del gioco, grazie ad un Pirlo superlativo, senza pero’ riuscire a superare il portiere inglese Hart che quando non e’ arrivato sul pallone ha avuto l’aiuto del palo. Una partita in cui gli Azzurri hanno tenuto spesso palla rischiando pochissimo ma evidenziando vistosi limiti sottoporta, nonostante un Balotelli combattivo e determinato. D’altra parte l’aver realizzato solamente 3 goal durante 390 minuti di gioco (tempi supplementari compresi) e’ emblematico di come ci sia un problema realizzativo in fase di attacco.

Giovedì a Varsavia l’avversaria sara’ la Germania di Joachim Low, data come favorita fin dall’inizio per la vittoria finale insieme alla Spagna (che nell’altra semifinale affrontera’ il Portogallo di Cristiano Ronaldo). Una squadra quella tedesca che dal 2006 ad oggi e’ cresciuta moltissimo grazie agli innesti di giovani talenti prodotti dai sempre più prolifici vivai della Bundesliga che sono stati via via affiancati ai giocatori gia’ presenti in rosa (principalmente del Bayern Monaco). La multietnicita’ della nazionale tedesca, che puo’ contare su giocatori tecnici e veloci come Khedira, Ozil e Podolski, e’ ormai nota a molti, e per gli osservatori neutrali e’ la vera arma in più per Low che ha potuto unire alla storica forza fisica e al temperamento teutonico la fantasia che prima mancava.

Per l’Italia quindi non sara’ facile superare l’ostacolo tedesco, ma Prandelli sa bene come la retroguardia della Germania sia vulnerabile, sopratutto se presa in velocita’. Probabile la conferma da parte del CT azzurro della coppia Cassano-Balotelli, che finora non ha pienamente convinto ma che di fatto non ha alternative, mentre la squalifica di Maggio costringera’ il tecnico a fare di tutto per recuperare Abate, uscito per un indolenzimento muscolare durante l’incontro contro l’Inghilterra. Altri giocatori sono ancora in forse per giovedì come De Rossi, Thiago Motta e Chiellini, ma gli ultimi allenamenti dovrebbero sciogliere i dubbi. Ma sono in tanti a pensare che l’importante sia che il Pirlo visto finora continui a giocare ai livelli mostrati finora. Livelli da Pallone d’Oro.

Maria Caligiuri – 26 Giugno 2012