«

»

Inter: l’effetto Ranieri e’ gia’ svanito

Le sette vittorie consecutive, derby compreso, avevano illuso un po’ tutti, Moratti in primis, ma le ultime prestazioni e gli ultimi risultati hanno nuovamente riportato alla luce i problemi che Ranieri sembrava aver parzialmente risolto: la squadra ha poco ritmo e il centrocampo, tolto Snejider, non sembra avere giocatori in grado di far cambiare ritmo durante la partita; inoltre anche la solidita’ difensiva, alla base della rimonta attuata dai nerazzurri tra dicembre e gennaio, nelle ultime partite e’ miseramente crollata.

Indubbiamente il mercato non ha risolto i problemi, perche’ l’arrivo di Guarin (oltretutto infortunato e lontano dai campi di gioco da Novembre) e di Palombo non hanno migliorato la qualita’ complessiva della rosa infoltendo solamente un ruolo, quello del mediano, che gia’ presentava per l’allenatore nerazzurro  notevoli alternative, mentre sulle fasce restano i soli Zanetti e Nagatomo, oltretutto chiaramente adattati al ruolo viste le loro caratteristiche. Pur con tutti i suoi limiti Ranieri puo’ far ben poco per cambiare la situazione

Ormai resta solo la Champions per questo gruppo a cui Moratti e tutti i tifosi nerazzurri resteranno per sempre legati per i trofei vinti, ma chiaramente la dirigenza nerazzurra sta gia’ programmando la prossima stagione in cui la scelta dell’allenatore sara’ fondamentale per il rilancio del club. Il presidente nerazzurro starebbe pensando ad un suo vecchio sogno: Zdeneck Zeman, che a Pescara quest’anno sta facendo bene, ma ne’ Branca ne’ Ausilio sembrano convinti. L’incertezza regna sovrana a Via Durini, e questo si ripercuote sui giocatori, in molti consapevoli di essere all’ultima stagione con la maglia nerazzurra. L’impressione è che se la dirigenza interista non deciderà in fretta, in maniera convinta e unita,  cosa fare per la prossima stagione, la situazione diventerà sempre più intricata e complicata.

Giancarlo Betti – 08 Febbraio 2012