«

»

Inter: siamo alle solite

Moratti contestato, squadra fischiata (l’altra sera contro il Catania una incredibile e inaspettata selva di fischi  ha “salutato” Cambiasso alla sua uscita dal campo), Ranieri in confusione, tifoseria irriconoscente: la Milano nerazzurra sembra essere ripiombata improvvisamente nell’era preCalciopoli, quando i risultati non arrivavano e l’ambiente alla Pinetina era esplosivo. Emblematico lo striscione esposto dai tifosi interisti della Curva Nord che accusava la dirigenza, e in particolar modo il presidente Moratti (assente per motivi di lavoro), di essere assente se non addirittura incompetente!

Intendiamoci, indubbiamente alcune valutazioni in sede di mercato si sono rivelate errate (Coutinho, Castaignos, Jonathan), ma che il ciclo dell’Inter del Triplete fosse finito per motivi sia anagrafici che psicologici era chiaro a tutti, cosi’ come era evidente che, stante anche la volonta’ della societa’ di iniziare a ripianare il bilancio in vista del fairplay finanziario, sarebbe stato difficile trovare sostituti adatti agli eroi mourinhiani, sapientemente spremuti dall’uomo di Setubal nell’anno vittorioso. L’usura di gente come Stankovic, Cambiasso, Zanetti e Samuel sarebbe potuta essere mascherata dall’inserimento tra i titolari di giovani di qualita’, ma finora solo Poli e Faraoni (che comunque non sono fenomeni) hanno sfruttato le opportunita’ che sono state loro concesse.

A questo si aggiungono le scelte di Ranieri che le sta provando tutte pur di riuscire a scuotere i suoi, ma che e’ sembrato in più’ di una occasione in confusione, sia nella scelta degli uomini che dello schieramento tattico. La gestione di Sneijder e’ l’esempio lampante di come l’allenatore romano non sia riuscito a trovare il bandolo della matassa: possibile che non ci sia posto per l’olandese in squadra? Perche’ Pazzini e’ cosi’ involuto? Come mai Julio Cesar non e’ più la saracinesca di una volta? Perche’ tutti questi infortuni? Queste sono solo alcune delle domande a cui il mister di Testaccio dovrà rispondere in breve tempo. E il Marsiglia incombe…

Francesca Rossetti – 6 Marzo 2012