«

»

Serie A: parte il rush finale

Da una parte il Milan, unica squadra italiana ancora in Champions (peraltro appena sorteggiata con il Barcellona per i quarti di finale), dall’altra tutte le deluse dalla settimana europea: Inter, Napoli e Udinese. In mezzo la Juventus, la Lazio eliminata al turno precedente e la Roma fuori dall’Europa che conta da Agosto. La lotta per i primi posti si accende e ormai non ci saranno più “distrazioni” dovute a partite internazionali: si inizia il sabato con il Milan ancora in emergenza (fuori anche Abate e Robinho) di scena a Parma che deve mantenere se non aumentare il proprio vantaggio sulla Juventus che nell’anticipo serale affrontera’ la Fiorentina di Delio Rossi guidata dall’ex Amauri, con il dente avvelenato. Questa trasferta per gli uomini di Conte si prospetta difficile sia per la rivalita’ con i viola risalente agli ormai lontani anni ’80, sia per le oggettive difficolta’ che ultimamente hanno palesato i bianconeri nel segnare.

Delle difficolta’ della Juventus potrebbero approfittarne le immediate inseguitrici, ma il calendario presenta il duello tra deluse ad Udine che vede i friulani incontrare il Napoli, mentre la Lazio, reduce dall’inaspettata sconfitta interna contro il Bologna, se la vedra’ all’Euganeo con il sempre più sorprendente Catania di Montella, autore fin qui di un campionato superlativo. Pochi problemi dovrebbero esserci per la Roma che giochera’ lunedì sera (posticipo dovuto alla partita del Sei Nazioni di rugby che verra’ disputata sabato allo Stadio Olimpico nella capitale) in casa contro il Genoa, e per l’Inter che affrontera’ l’Atalanta domenica pomeriggio a San Siro.

Il resto della giornata vede gli scontri per la salvezza che ormai include anche quelle squadre come Cagliari e Chievo che fino a poche settimane fa si sentivano sicure. Se i sardi con il ritorno di Ficcadenti sulla panchina (ormai la schizzofrenia dei presidenti sembra essere inarrestabile…)dovrebbero sfruttare il turno casalingo contro il Cesena, a Siena i padroni di casa affronteranno un Novara rilanciato dal ritorno di Tesser (a proposito di schizzofrenia dei preesidenti…), mentre a Bologna i rossoblu avranno come avversari il Chievo. Ma tutte le squadre sopra elencate in realta’ saranno con l’orecchio sulla radiolina per tenere sotto osservazione la partita di Lecce, che vedra’ la squadra di Cosmi impegnata contro il Palermo di Mutti, privo di Miccoli. Una vittoria dei giallorossi alzerebbe la quota salvezza, eventualita’ che, ovviamente, non renderebbe felici molte societa’.

Maria Caligiuri – 17 Marzo 2012