«

»

Inter: una rivoluzione in nome del Bilancio

Prima Lucio (e Forlan) con la risoluzione del contratto, adesso Julio Cesar e prossimamente, almeno stando a quanto dicono i bene informati, Stankovic e Maicon. Dell’Inter del Triplete ormai resiste solo il nutrito clan argentino capitanato da Zanetti e l’olandese Snejider (almeno per ora…), mentre gli altri eroi del 2010 vengono progressivamente accompagnati alla porta, anche a costo di vederli firmare per la rivale storica il giorno dopo aver rescisso il contratto.

Indubbiamente l’aspetto economico sta incidendo molto sul mercato nerazzurro anche perche’ in molti se lo dimenticano ma Moratti ha dovuto sborsare più di 20 milioni di euro finora per l’acquisto di Rodrigo Palacio e il riscatto di Guarin, e quindi il risparmio sul monte ingaggi complessivo e’ una boccata d’aria per i prossimi bilanci societari.

Restano pero’ le perplessita’ sulla strategia societaria che sembra piuttosto confusa se, come sembra, l’intenzione e’ quella di spostare Nagatomo a destra e puntare poi in difesa su una coppia centrale formata da Silvestre e Samuel, con Ranocchia e Chivu in lotta per il posto di prima alternativa, creando cosi’ una lacuna nel ruolo di terzino sinistro. Inoltre l’aver gia’ praticamente acquistato Handanovic senza aver ceduto quello che ad oggi e’ considerato ancora tra i primi cinque portieri al mondo non depone a favore dell’operato di Branca, cosi’ come aver ormai fatto capire a tutti che anche Pazzini e’ ormai sul mercato. Ma sopratutto e’ il centrocampo che necessita di maggiori cambiamenti, perche’ la scarsa mobilita’ vista l’anno scorso non potra’ essere sopperita dall’inserimento in pianta stabile del colombiano ex Porto e di Poli.

L’intenzione della dirigenza della Beneamata e’ chiaramente quella di inserire in prima squadra i tanti talenti esplosi negli ultimi anni nel settore giovanile, e sicuramente non c’e’ miglior allenatore di Stramaccioni in questo momento che possa farlo, ma e’ una operazione molto rischiosa perche’ potrebbe  servire molto tempo, cosa questa che raramente viene concessa ai tecnici di Serie A.

Avra’ pazienza Moratti? Sulla risposta a questa domanda si giochera’ l’intera stagione dell’Inter.

Paolo Nofri – 7 Luglio 2012