«

»

Roma: Zeman da’ il via la stagione

Dopo il raduno a Trigoria e’ partita a Riscone di Brunico la stagione della nuova Roma targata Zdeneck Zeman, un nome amatissimo dai tifosi giallorossi che hanno risposto con entusiasmo al suo ritorno, sottoscrivendo più di 13mila abbonamenti in poche settimane. Inutile nasconderlo, il personaggio piace sia per il gioco prodotto sul campo sia per quanto detto e ripetuto a più riprese fuori dal campo, dove le dichiarazioni antijuventine sono ormai diventate un leit motiv delle interviste del boemo, ben conscio cosi’ di ingraziarsi una gran fetta di sostenitori romanisti prima ancora di mostrare sul terreno di gioco le sue capacita’. La Roma degli americani (e di Unicredit, non dimentichiamocelo), uscita con le ossa rotte dal campionato scorso nonostante gli ingenti investimenti effettuati in sede di mercato, si e’ quindi affidata ad un tecnico che conosce bene l’ambiente e che ha una cultura del lavoro e della disciplina durante gli allenamenti sconosciuta a molti dei suoi giocatori, sperando cosi’ di poter iniziare quel processo di crescita che con Luis Enrique non e’ mai partito. Rispetto all’anno scorso sono finora state poche le partenze (Cicinho per scadenza contratto, Kjaer per fine prestito e i giovani Pigliacelli e Viviani) e pochi gli acquisti veri e propri (Dodo’, Castan, Bradley e Tachtsidis, quest’ultimo indicato proprio da Zeman), mentre sono moltissimi i giocatori, giovani e meno giovani, che sono tornati alla base dopo prestiti in giro per l’Europa e le serie inferiori, tant’e’ che ad oggi, essendo più di 50 (!!!) gli atleti che risultano di proprieta’ della societa’ di Trigoria, non tutti sono stati convocati per il ritiro. Baldini e Sabatini quindi avranno il loro bel daffare per trovare una collocazione agli scontenti, cercando anche di rinforzare la squadra seguendo le indicazioni del tecnico, famoso per essere un aziendalista ma di certo non in grado di compiere miracoli.

Ad una prima analisi degli uomini a disposizione del tecnico boemo si puo’ dire che sia reparto difensivo quello che necessita di maggiori interventi, sopratutto sugli esterni, mentre a centrocampo e in avanti ci sono uomini in grado di poter mettere in pratica i dettami tattici del nuovo allenatore. Di sicuro pero’ ad oggi con questi giocatori a disposizione l’accesso alla Champions League sembra una chimera. Riuscira’ Zeman nel miracolo? Intorno a questa domanda vertera’ l’intero campionato giallorosso.

Giancarlo Betti – 14 Luglio 2012